Artemide e Copernico: un nuovo linguaggio di luce.

Una sorta di strano sole che ruota sui propri assi. È questo che ricorda la lampada Copernico, disegnata da Carlotta de Bevilacqua e Paolo Dell’Elce per Artemide e che adesso è il cuore dell’installazione realizzata dalla coreografa Margherita Palli, per la mostra “La Sindrome dell’Influenza”.

L’esposizione, visitabile al Triennale Design Museum di Milano fino al 23 febbraio 2014, è dedicata all’attitudine propria del design italiano di assimilare la realtà che lo circonda e di confrontarsi con altri linguaggi e altre culture.

L’installazione voluta dall’azienda milanese fondata negli anni Sessanta da Ernesto Gismondi e oggi piccola multinazionale dell’illuminazione d’alta gamma, è rappresentata da un cubo luminoso, che genera una luce mutevole e racconta così le nuove tecnologie, come in una sorta di teatro moderno che guarda al futuro.

Con il seguente video, entriamo all’interno del museo, buona visione.


Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>