Rubrica Giovedivano: presentazione del Chester One di Poltrona Frau

“Non un vano Giovedì, ma un divano ogni Giovedì”. Seguite la rubrica settimanale #Giovedivano, in cui presenteremo un divano e le sue peculiarità artistiche e progettuali, esponendo le foto inerenti i materiali utilizzati per realizzarlo e riservando delle offerte vantaggiose per i fan della pagina Facebook. Oggi, è la volta del celebre Chester One di Poltrona Frau.

Frau è un marchio internazionale del design, dell’eleganza e della perfezione del Made in Italy. Dal 1912, nell’immaginario collettivo, il nome Frau rimanda immediatamente all’idea di qualità e di design applicati all’arredamento, e alle sedute in particolare. Un nome, così caratteristico ed associabile in un primo tempo a sonorità tedesche, che invece è semplicemente quello del fondatore dell’azienda, il cagliaritano Renzo Frau, e che nel tempo ha saputo farsi testimone anche oltre i confini nazionali dello stile e della qualità “Made in Italy”. Numerosi sono stati i momenti salienti nella storia di Poltrona Frau e tutti hanno contribuito in qualche modo a creare il mito dell’azienda nata a Torino e ora cittadina del mondo.

Dalle meravigliose idee di Frau, sono nata opere di design, di una fattura assolutamente unica al mondo. Il Chester One è un divano storico. Il gusto per la perfezione si riconosce nella lavorazione capitonnée e nella serie di chiodini che rifiniscono la pelle. Il crine vegetale dell’imbottitura di schienale e braccioli è modellato a mano. Il molleggio è ottenuto con molle biconiche legate manualmente e appoggiate su cinghie di juta.

Per carpirne tutte le fasi della lavorazione, vi invito a visitare la pagina Facebook ed il relativo album del Chester One. I divani Chester One di Frau, sono disponibili nello showroom Novarredo a prezzi vantaggiosi per gli iscritti alla newsletter.


Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>