Il mondo attraverso i vetri. La produzione artistica di Venini

Venini è il vetro soffiato e lavorato a mano. Grazie alle accurate formule custodite gelosamente nel Ricettario della Fornace, i colori Venini sono parte di un patrimonio culturale tramandato di generazione in generazione. Il risultato è che questo patrimonio diventa una perfetta testimonianza del saper lavorare il vetro. Che è da sempre la caratteristica della produzione Venini.

La collaborazione tra Carlo Scarpa e Venini è storia vecchia. Anche se i risultati sono godibilissimi in quanto di estremo gusto e qualità. Carlo Scarpa è una personalità che scolpisce nel vetro e lo utilizza condensandovi le sue sensazioni e i colori. Una sfida che lancia ai sensi, il prodotto di un’alchimia e di una discreta teatralità

Con Venini, Scarpa è riuscito a creare, durante gli anni della sua direzione, cose come ‘filigrana’, ‘opalini ‘, ‘lattimi’, ‘murrine’, ‘sommersi’, che sono le varie tecniche a cui si è applicato nel periodo in cui ha collaborato con Venini. Caro Scarpa ha cominciato a lavorare molto presto, ancora ragazzo, come apprendista da Cappellin, a Venezia, durante gli anni Venti. All’inizio degli anni Trenta, quindi, si spostò da Venini, dove è rimasto 15 anni e da dove diede vita ad invenzioni che sono diventate la caratteristica di tutta la produzione di Venini a partire dagli anni Trenta-Quaranta.

In occasione della mostra “Carlo Scarpa. Venini 1932-1947”, che presenta la produzione di Carlo Scarpa, un vero artista del design che curò la direzione artistica di Venini negli anni Tenta e Quaranta, vi invitiamo presso il nostro showroom dove potrete apprezzare le nostre proposte Venini, tra cui il sistema di illuminazione della Collezione Carlo Scarpa, disegnata nel 1940, ma di un fascino ancora attuale.

Non a caso i pezzi originali, risalenti all’epoca della loro prima realizzazione, sono oramai pezzi da collezionismo o, comunque, venduti con trattativa riservata.

Se vuoi parlarne con noi, per saperne di più, ti aspettiamo al nostro Showroom.




Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>