Le novità luce da Kartell. Taj: piccola grande protagonista

Una piccola lampada che non ha niente da invidiare a quelle più grandi. Disegnata dal grande Ferruccio Laviani, Taj è l’ultima nata della famiglia Kartell Lights.

Ben più che una lampada, Taj Mini è un segno tridimensionale, una scultura luminosa, una presenza che fa compagnia, sia che si trovi su una scrivania o su qualsiasi altro mobile.

Come un lungo stelo incurvato, Taj è caratterizzata da grande leggerezza. Utilizzando l’ultima tecnologia LED, Taj unisce risparmio energetico e grande performance di illuminazione.

Il braccio accoglie, nella sua parte superiore, un LED da 3W che emette una luce soffusa e non abbagliante. Interamente realizzata in PMMA, questa lampada a LED presenta delle magnifiche linee fluide e naturali (altezza 33 cm x l 32,5 cm).

La luce sottolinea l’incredibile semplicità delle linee. Le dimensioni esigue della base (larg 9,5 cm) permettono di avere il piano di lavoro quasi completamente libero.

Per saperne di più su Kartell.
Kartell non è solo il principale leader del designer industriale in Italia e all’estero. Kartell è molto di più. Ricerca, innovazione, l’uso di sistemi di produzione efficienti tra cui le ultime tecnologie, che assicurano all’azienda i più alti livelli di qualità.

Leggerezza, resistenza, accessibilità. Queste sono le chiavi per comprendere la capacità di Kartell di attrarre non solo clienti di tutto il mondo, ma anche designers internazionali come Philippe Starck, Alberto Meda e Ferruccio Laviani.

Questi ultimi hanno sempre rinnovato la gamma di prodotti Kartell, definendo un perfetto equilibrio tra visione strategica, domanda e offerta. Citiamo ad esempio i famosi elementi Componibili di Anna Castelli Ferrieri, la poltrona Louis Ghost di Philippe Starck e anche la poltrona Masters, che ha realizzato in collaborazione con il designer Eugeni Quitllet. La serie Spoon di Antonio Citterio, sia cosmica che colorata, è anche una delle collezioni emblematiche che rivelano la forza fenomenale di Kartell nel campo del design, in questo 21° secolo.


Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>