Seconda esposizione Venini Isola di S. Giorgio Maggiore, Venezia

Venezia è da sempre una città storica per essere il teatro di numerose epoche artistiche italiane ed internazionali. Anno dopo anno questa città dalla bellezza unica in tutto il mondo, ha saputo sia sfornare talenti che accoglierli, ed è proprio qui che dai primi giorni di Settembre, precisamente dall’8 Settembre 2013 è aperta al pubblico sull’isola di San Giorgio Maggiore a Venezia la mostra “Napoleone Martinuzzi. Venini 1924-1931” a cura di Marino Barovier. 

Questa mostra è la seconda di un ciclo espositivo più ampio dedicato interamente alla storia della vetreria Venini e viene organizzata da “Le Stanze del Vetro”, progetto culturale pluriennale avviato in principio dalla Fondazione Giorgio Cini e Pentagram Stiftung, per lo studio e la valorizzazione dell’arte vetraria del Novecento. 

Il progetto Le Stanze del Vetro è un importante programma artistico dalle vedute così ampie da considerare un progetto a scadenza decennale, infatti il progetto al quale appartiene la mostra inaugurata l’8 Settembre vedrà altre sette mostre del genere con cadenza annuale, per un totale di dieci, tutte interamente dedicate a Venini e alla sua produzione che si è saputa distinguere nel panorama del vetro artistico di tutto il ventesimo secolo. 

E’ il 1921, quasi cento anni or sono, e nella città dal fascino eterno spunta un nuovo nome “Cappellin Venini & C.” sigla questa che nasce dall’unione di due personalità che hanno creduto nella loro passione radicata prima di tutto nelle loro generazioni.

Giacomo Cappellin e Paolo Venini da quel momento in poi percorrono una strada tutta in salita, ma Venini ha tutta la forza che serve per percorrerla, anno dopo anno, decennio dopo decennio, fino a giungere ai giorni nostri. Un’azienda affinata dall’esperienza, così come il vetro dalla perfezione liscia dopo la lavorazione minuziosa.

Oggi, quei primi tempi, quegli anni essenziali e non solo, ma tutta la storia di Venini vengono rivissuti attraverso questo grandissimo progetto di dieci mostre, dedicato a tutti coloro che sanno appassionarsi alle storie di artigianato di famiglia, dove l’attività non si passa da mano in mano, ma di cuore in cuore, di padre in figlio, attraverso gli anni, diventando senza tempo. 



Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>